Visualizza la versione online.

Numero 4 | Dicembre 2015



NewSIIA: alla ricerca dell’obiettivo pressorio

Le notizie

SPRINT al ribasso: the lower the better?

Il conseguimento di una pressione arteriosa sistolica <120 mmHg conferisce un beneficio in termini di ridotta incidenza di eventi cardiovascolari maggiori fatali e non fatali e ridotta mortalità per ogni causa: per tutti o solo per alcune categorie di pazienti? continua »

Ipertensione arteriosa e target pressorio

I risultati di una recente meta-analisi, che ha incluso un numero complessivo di 44.989 pazienti, sembrano deporre a favore di una strategia basata su uno stretto controllo dei valori pressori, in particolare nei pazienti affetti da malattia vascolare, insufficienza renale o diabete. continua »

Ipertensione, diabete e danno d’organo: quali obiettivi pressori?

Alcuni farmaci antipertensivi sono risultati efficaci nel rallentare la progressione e/o favorire la regressione del danno d’organo da ipertensione, ma resta da definire se tali effetti siano correlati o meno all’entità di riduzione della pressione arteriosa. continua »

Ipertensione da camice bianco e danno d’organo

Il significato clinico dell’ipertensione da camice bianco è tuttora controverso ma una recente meta-analisi suggerisce che tale condizione possa determinare un aumentato rischio cardiovascolare secondario ad incrementi della massa ventricolare sinistra, anche per valori compresi nel range di normalità. continua »

Frequenza cardiaca e pressione aortica centrale

In pazienti normotesi con malattia coronarica stabile, la riduzione della frequenza cardiaca indotta da ivabradina non induce un aumento della pressione aortica centrale ma si associa ad un aumento del tempo di perfusione diastolica e ad un miglioramento degli indici di perfusione miocardica. continua »

Le interviste

Il saluto del nuovo Presidente SIIA e un commento sui dati dello studio SPRINT

Il neo-Presidente SIIA conferma l’impegno nei confronti degli italiani e dei colleghi perché, attraverso ricerca e aggiornamento, si possa portare avanti la lotta all’ipertensione arteriosa. Impegno che, peraltro, si confronta nell’immediato con le nuove prospettive aperte dallo studio SPRINT.

Primo Seminario Nazionale dei Centri per l’Ipertensione SIIA

Il 13 e 14 novembre 2015 a Roma si è tenuto il primo Seminario Nazionale dei Centri per l’Ipertensione SIIA, con l’obiettivo di creare un punto d’incontro tra le Società scientifiche coinvolte nella lotta all’ipertensione arteriosa e il territorio, a vantaggio del trattamento del paziente iperteso.

L’importanza della continuità con il territorio nella gestione del paziente iperteso

La creazione di un network di Centri SIIA ha il duplice intento di riappropriarsi della cultura della gestione del paziente iperteso, e di consolidare un collegamento capillare tra la centralità della Società scientifica e i coordinamenti territoriali, che SIIA ha appropriatamente censito in questi ultimi anni.

Produzione e realizzazione:
Think2it
Il Pensiero Scientifico Editore
Ricevi questa newsletter perché sei iscritto alla mailing list del sito.
Per non riceverla più, scrivici.