La ricerca nel campo della misurazione della pressione arteriosa ha recentemente portato alcune interessanti novità: ce ne parla Paolo Palatini dell’Università degli Studi di Padova.
Una riguarda la misurazione con apparecchi oscillometrici in fibrillazione atriale che fino a poco fa era sconsigliata. Sembra invece che questi apparecchi siano in grado di misurare accuratamente la pressione sistolica, con una maggiore incertezza per quanto riguarda la diastolica. Ci sono inoltre alcune novità tecnologiche tra cui misuratori non invasivi “cuffless” (cioè senza bracciale), di particolare interesse in pazienti che non tollerano il monitoraggio convenzionale e strumenti per il monitoraggio nelle 24 ore della pressione arteriosa centrale.